22 maggio 2016 – Carlos Arbolito, 62 anni, è un senza dimora argentino che vive a Bologna, nel dormitorio Beltrame. Dallo scorso inverno ha deciso di diventare egli stesso volontario in un altro dormitorio della città, Accoglienza Degna: si tratta di uno spazio autogestito inaugurato lo scorso 6 dicembre, dove grazie all’impegno di tutti i volontari vengono accolte fino a 13 persone senza casa. Accoglienza Degna è uno dei progetti del centro sociale Labas occupato, sorto all’interno dell’ex caserma Masini di Bologna, sul quale pende da dicembre un decreto di sequestro e dunque la minaccia di sgombero.

Appassionato di teatro e musica, da sempre critico nei confronti dei servizi sociali della città, Carlos ha trovato in questa esperienza una ragione in più per andare avanti: “Da quando ho cominciato a lavorare dentro Accoglienza Degna mi sento utile. Capisco molto bene i problemi che si presentano e riesco a intervenire velocemente, perché so cosa significa stare dall’altra parte. Accoglienza Degna è un dormitorio speciale perché responsabilizza le persone e permette loro di partecipare attivamente: per me è questo il significato della parola ‘dignità’”.

Da qualche mese Carlos ha anche aperto un canale YouTube, che raccoglie i suoi video girati per denunciare le ingiustizie che colpiscono i senza dimora: “In questa città, i mezzi di informazione si dimenticano di parlare di una popolazione invisibile come quella dei senzatetto. I miei video hanno l’obiettivo di far vedere a tutti cosa significa non avere una casa e dover vivere in strada. Mi piacerebbe invitare tutti i cittadini nelle mense e nei dormitori, perché si rendano conto con i propri occhi di quanta violenza dobbiamo ancora sopportare ogni giorno”.

Video e articolo già pubblicati sul portale Dieci e Venticinque.

Annunci